Cultura alimentare vedica

“Nessuno entro dieci miglia dal nostro tempio dovrebbe soffrire la fame”. Swami Prabhupada

Nessuno dovrebbe soffrire la fame

Qualcuno ha fame? Per favore, vieni a casa mia, dove mia moglie ha preparato un pasto. Ne abbiamo abbastanza per sfamare 20 uomini affamati. Ha preparato il miglior riso, curry e puris (pane fritto). Non prenderò il mio pasto fino a quando non saprò che ogni uomo, donna e bambino è nutrito.
Immagine
Tali gesti disinteressati di ospitalità erano comuni nella vita del villaggio nell'antica India. I proprietari di case religiose dei tempi vedici si vedevano come fornitori di tutti gli esseri viventi, compresi gli animali. A nessuna creatura fu permesso di andare senza cibo durante l'apice della civiltà vedica. Questo è il terreno fertile in cui sono stati seminati i semi della filosofia di Food for Life.

Il significato di ospitalità

Secondo la definizione del dizionario di Oxford, l'ospitalità è "l'accoglienza cordiale e generosa di ospiti o sconosciuti". Essere ospitali, quindi, significa prendersi cura degli altri e mostrare loro rispetto. È un'espressione sincera di apprezzamento, amore e umiltà. Una persona il cui cuore è pieno di gratitudine, magnanimità e spiritualità è naturalmente ospitale.
Immagine
È importante notare che l'ospitalità non è la stessa cosa dell'intrattenimento, che purtroppo è l'approccio più comune oggi. Quando ci divertiamo, mettiamo tutti i nostri sforzi nell'evento: l'aspetto della casa, il cibo ricco, ipercalorico/povero di nutrienti e le bevande, i posti a sedere e la tavola. Giudichiamo il successo o il fallimento dell'evento da dettagli così insignificanti come se il soufflé sia ​​caduto o meno o il ghiaccio si sia esaurito. Al contrario, l'ospitalità punta sul comfort e sul benessere degli ospiti; il desiderio di condividere liberamente la propria casa; il cibo nutriente e vivificante che viene preparato; e soprattutto, le persone. Nel suo libro, La gola, i 7 peccati capitali, Francine Prose osserva: "Nella tradizione greco-romana, banchettare insieme al bere era il cemento sociale che rafforzava i valori del cittadino e teneva unito lo stato. Buone feste e cattive feste sono motivi ricorrenti al centro dell'Odissea, dove è molto chiaro che il valore dell'ospite dipende dalla generosità della sua tavola. "Alcuni ospiti dedicano così tanta energia ai preparativi per intrattenere che hanno poco lasciato per i suoi ospiti. Quando gli ospiti se ne vanno, l'ospite è esausto. L'ospitalità, d'altra parte, è fisicamente e spiritualmente rinfrescante e nutriente. In poche parole, l'intrattenimento è alimentato dall'orgoglio, mentre l'ospitalità genuina nasce dall'umiltà. L'ospitalità genuina non distingue in base a specie, razza, casta, credo o colore; queste differenze sono prive di significato da una prospettiva spirituale. Piuttosto, l'ospitalità genuina accoglie tutti con un abbraccio amorevole. Per un esempio di profonda ospitalità, non c'è bisogno di guardare oltre l'esempio del re Rantideva della tradizione vedica dell'India. FONTE: FOOD YOGA – Nourishing Body, Mind & Soul di Paul Turner

La storia del re Rantideva

FONTE: (c) Bhaktivedanta Book TrustRantideva è glorificato, non solo nella società umana ma anche nella società degli esseri celesti (deva), per la sua tolleranza, compassione e altruismo esemplari.
Rantideva non ha mai cercato di guadagnare nulla. Gli sarebbe piaciuto tutto ciò che riceveva dalla provvidenza, ma quando arrivavano gli ospiti dava loro tutto. Così, insieme ai membri della sua famiglia, subì notevoli sofferenze. In effetti, lui e i suoi familiari rabbrividirono per mancanza di cibo e acqua, eppure Rantideva rimase sempre sobrio. Una volta, dopo aver digiunato per quarantotto giorni, al mattino Rantideva ricevette un po 'd'acqua e alcuni alimenti fatti con latte e burro chiarificato, ma quando lui e la sua famiglia stavano per mangiare, arrivò un ospite brahmana (sacerdote).
Immagine
Poiché Rantideva percepiva la presenza della Divinità Suprema ovunque e in ogni essere vivente, ricevette l'ospite con fede e rispetto e gli diede una parte del cibo. L'ospite brahmana mangiò la sua parte e poi se ne andò. Successivamente, dopo aver diviso il cibo rimanente con i suoi parenti, Rantideva stava per mangiare la sua parte quando arrivò un ospite sudra (lavoratore sul campo). Vedendo il sudra in relazione con Dio, la Persona Suprema, il re Rantideva gli diede anche una parte del cibo. Quando il sudra se ne andò, un altro ospite arrivò, circondato da cani, e disse: “O re, io e la mia compagnia di i cani sono molto affamati. Per favore, dacci qualcosa da mangiare”. Con grande rispetto, re Rantideva offrì il resto del cibo ai cani e al padrone dei cani, che era venuto come ospiti. Il re offrì loro tutto il rispetto e l'omaggio. Successivamente, rimase solo l'acqua potabile, e ce n'era solo a sufficienza per soddisfare una persona, ma quando il re stava per berla, apparve un candala (fuori casta) e disse: "O' Re, sebbene io sia di bassa nascita, gentilmente dammi dell'acqua da bere”. Addolorato nell'udire le parole pietose del povero candala affaticato, Maharaja Rantideva pronunciò le seguenti parole nettaree: Non prego Dio, la Persona Suprema, per le otto perfezioni dello yoga mistico, né per la salvezza da nascite e morti ripetute. Voglio solo stare in mezzo a tutti gli esseri viventi e soffrire per loro tutte le angustie in modo che possano essere liberati dalla sofferenza. Offrendo la mia acqua per mantenere la vita di questo povero candala, che sta lottando per vivere, sono stato liberato dalla tutta la fame, la sete, la fatica, il tremore del corpo, la tristezza, l'angoscia, il lamento e l'illusione. Dopo aver parlato così, e sebbene sull'orlo della morte a causa della sete, il re Rantideva diede la sua porzione d'acqua al candala senza esitazione, perché il re era naturalmente molto gentile e sobrio. Improvvisamente, dal nulla, grandi esseri celesti (deva) come il Signore Brahma e il Signore Siva, che possono soddisfare tutti gli uomini materialmente ambiziosi dando loro le ricompense che desiderano, hanno poi manifestato la propria identità davanti al re Rantideva, perché erano loro che si erano presentati come brahmana, sudra, candala e così via. (Bhagavat Purana 9.21.2-15) I grandi esseri celesti avevano messo alla prova il Re per il suo livello di tolleranza e compassione e il grande Re ha avuto successo ricevendo così le loro benedizioni. FONTE: FOOD YOGA – Nutriente Corpo, Mente e Anima SCARICA l'Introduzione gratuita al CIBO YOGA Introduzione (Brochure) PDFVisita il sito web FOOD YOGI