Cultura alimentare dell' Islam

Chi è gentile con le creature di Dio è gentile con se stesso Hadith del Profeta Maometto

Fame in un mondo di abbondanza

Non è assolutamente consentito uccidere mentre i pellegrini si avvicinano alla Mecca, compresi anche pidocchi, formiche, cavallette e zanzare. Se un pellegrino vede un insetto a terra, indicherà ai suoi amici di stare attenti a non calpestarlo. Questo esempio mostra che mentre l'Islam non è generalmente visto come una religione che promuove il vegetarianismo e la gentilezza verso gli animali, la tradizione islamica ha molto da dire su come le persone dovrebbero relazionarsi con il mondo animale.
Immagine
In effetti, ci sono numerosi esempi di Maometto che mostra la sua compassione per gli animali. Nella sua Storia di Maometto il Profeta, Bilkiz Alladin cita il Profeta: "Mostra simpatia agli altri ... specialmente a quelli che sono più deboli di te". Secondo altri resoconti biografici, Mohammed è stato citato dicendo: "Dove c'è un'abbondanza di verdure, le schiere di angeli scenderanno su quel luogo".

Beneficenza

Zakāh (a volte Zakāt/Zekat o "fare l'elemosina"), uno dei Cinque pilastri dell'Islam, è la donazione di beneficenza di una piccola percentuale dei propri beni (ricchezza in eccesso, compreso il cibo), generalmente a individui musulmani poveri e bisognosi. Spesso paragonato al sistema della decima e dell'elemosina, Zakāh serve principalmente come servizio di assistenza sociale islamico ai musulmani poveri e indigenti, sebbene altri non siano esclusi. La comunità islamica ha il dovere non solo di raccogliere la zakat, ma anche di distribuirla equamente. Zakat è talvolta indicato come sadaqah e il suo plurale, sadaqat. Generalmente, la condivisione della ricchezza è chiamata zakat, mentre sadqat può significare condividere la ricchezza o condividere la felicità tra la creazione di Dio, come parlare gentilmente, sorridere a qualcuno, prendersi cura degli animali e dell'ambiente, ecc. Zakat o sadqah è quindi considerato adorazione e è un mezzo di purificazione spirituale. Non è visto come un onere fiscale, ma funge piuttosto da sistema socio-finanziario dell'Islam ridistribuendo la ricchezza tra i poveri e i bisognosi. Non c'è disaccordo tra i musulmani sulla natura obbligatoria della zakat. Deve semplicemente essere fatto. Nel corso della storia islamica, negare la Zakat equivale a negare la fede islamica. Tuttavia, i giuristi musulmani differiscono su molti dettagli della zakat, ognuno con la propria opinione e argomenti su questioni come la frequenza della distribuzione, le esenzioni e i tipi di ricchezza che sono zakatable. Alcuni studiosi considerano tutti i prodotti agricoli zakatable, mentre altri limitano la zakat a tipi specifici di prodotti. Alcuni considerano i debiti zakatable mentre altri no. Differenze simili esistono per i beni aziendali e i gioielli da donna, nonché per l'esborso di zakat. I musulmani adempiono a questo obbligo religioso dando una percentuale fissa della loro ricchezza in eccesso. La zakat è stata paragonata a un così alto senso di rettitudine che spesso è posta allo stesso livello di importanza dell'offerta di Salat1. I musulmani vedono questo atto anche come un modo per purificarsi dall'avidità e dall'egoismo proteggendo al contempo buoni rapporti d'affari. Inoltre, la Zakat purifica i destinatari perché li salva dall'umiliazione dell'accattonaggio e impedisce loro di invidiare i ricchi. Poiché la Zakat ha un così alto livello di importanza nella cultura, la punizione è severa per non praticare la Zakat quando possibile. La 2a edizione dell'Enciclopedia dell'Islam afferma: "... le preghiere di coloro che non pagano la zakat non saranno accettate". Ci sono due categorie di carità nell'Islam: obbligatoria e volontaria.

Chi ha diritto a ricevere Zakat?

Otto categorie di individui possono ricevere la zakat, Noble Quran (9:60) I bisognosi (musulmani o non musulmani) - Fuqara' Estremamente poveri (musulmani o non musulmani - Al-Masakin Quelli impiegati per raccogliere - Aamileen Coloro i cui cuori sono da vincere—Muallafatul Quloob Per liberare i prigionieri—Ar-Riqaab I debitori (musulmani o non musulmani—Al Ghaarimeen sulla via di Allah—Fi Sabeelillah Wayfarers (musulmani o non musulmani)—Ibnus-Sabeel Nota a piè di pagina: 1. Preghiera rituale (salat) che viene eseguita cinque volte al giorno: all'alba (al-fajr), mezzogiorno (al-zuhr), pomeriggio (al-'asr), tramonto (al-maghrib) e sera (al-'isha) FONTE: FOOD YOGA – Nutriente Corpo, Mente & Anima SCARICA l'Introduzione gratuita al FOOD YOGA Introduzione (Brochure) PDF Visita il sito web FOOD YOGI