Cibo, coperte, lampade, stufe e carburante ...

Rapporto di Nityananda Rama Das, 20 febbraio 1999- Adipur, Gujarat - Oltre 150,000 pasti a base di puri, curry e riso, insieme a 1600 kit di sopravvivenza contenenti riso, olio, farina, verdure, fornelli, lampade, coperte, candele, cherosene, ecc., Sono stati distribuiti da Food for Life squadra di Baroda.
Immagine
Guarda le foto Più di 50 volontari del Baroda ISKCON il tempio allestì il campo ad Adipur e insieme a servire deliziosi pasti vegetariani caldi, il Dr. Savyasaci Das consigliò i sopravvissuti della Bhagavad-Gita. Furono serviti anche altri dodici villaggi vicini.

Il dottor Savysaci Das ha anche curato molti pazienti con disturbi minori nel campo.

Quella che segue è una lettera di uno dei leader del villaggio:

PER CHI È COINVOLTO
A causa di un imprevisto terremoto del 26.01.2001, tutti gli abitanti del villaggio di Bhadreswar sono stati messi in una spaventosa situazione imbarazzante, ma per fortuna, una squadra di volontari di Food for Life di ISKCON-I centri Vadodara e Vallabh Vidyanagar sono venuti nel nostro villaggio per aiutare. Hanno osservato che le persone del villaggio erano completamente alla disperata ricerca di aiuto poiché avevano perso la casa e i parenti. Food for Life istituì immediatamente una tenda nel villaggio e allestì una cucina. Ci hanno fornito prasad (cibo santificato) due volte al giorno, permettendoci di sederci tutti insieme senza alcuna discriminazione di cast e credo. Distribuirono anche coperte, kit per la casa e medicine, ecc. E fornirono molti altri servizi importanti. Hanno servito continuamente il nostro villaggio mantenendo attiva la cucina giorno e notte per 14 giorni.

Nella mia veste di Sarpanch (eletto capo del villaggio), a nome degli abitanti del villaggio, esprimiamo i nostri più profondi sentimenti di gratitudine per il fatto che non dimenticheremo mai l'obbligo dei devoti di ISKCON per tutta la vita. Non solo hanno servito prasad per i 6,000 residenti del nostro villaggio, ma la tua squadra ha distribuito prasad e necessità ai sei o sette villaggi circostanti. Offriamo grazie di cuore a tutti i volontari che ci hanno così gentilmente aiutato. In realtà, non troviamo parole appropriate per descrivere e lodare i tuoi servizi altruistici.

Oltre a queste parole di ringraziamento, vorremmo sottolineare che il nostro villaggio di 6,000 abitanti di Bhadreswar è molto povero. Nessuno nel nostro villaggio è ricco. Non ci sono grandi compagnie stabilite nel villaggio. Fino ad ora, il villaggio non ha ricevuto alcun aiuto dal governo, né da qualsiasi altra impresa privata, ad eccezione del denaro in contanti e 5 kg di grano dal governo. In considerazione di ciò, il futuro della gente del villaggio è precario perché stiamo fuori dal villaggio in una tenda costruita temporaneamente nel campo aperto.

Ti chiediamo gentilmente di concedere la tua misericordia e di adottare il nostro villaggio sotto il tuo rifugio e la tua direzione per costruire le nostre 1,000 case. Questa è la nostra sincera speranza. Ci siamo fidati che questo ti incontra bene.

Distinti saluti,

Chandulal Velji Kanah

Centinaia di migliaia hanno beneficiato ogni giorno di Food for Sforzo di salvataggio in Gujarat e Kutch.

Rapporto di Parijata Dasi

15 febbraio, Mumbai, India— Una squadra di volontari di Food for Life del ISKCON il tempio di Juhu ha creato una base nel distretto di Rapar di Kutch per fornire pasti caldi santificati alle vittime del terremoto in Gujarat e Kutch.
Immagine
Dall'inizio del ISKCON i devoti hanno lavorato giorno e notte per cucinare e servire colazione calda, pranzo e cena a quasi 100,000 persone ogni giorno nei vari villaggi di Kutch e Gujarat, tra cui Anjar, Bhachao, Navapura, Motikhiri, NaniKhiri e Nandsar. la prima settimana di febbraio una squadra di 80

Una colazione tipica comprende puri, (pane caldo), pakora (frittelle di verdure), halava (budino di semola), riso soffiato, poha e riso bollito e viene servita ogni mattina a partire dalle 7:XNUMX. Il pranzo consiste in puri, subji (curry di verdure), riso, dal, halava e pakora ed è distribuito da otto furgoni mobili. Pacchetti di biscotti, burro, panini e toast sono distribuiti liberamente.

Food for Life fornisce anche aiuti di soccorso e cereali alimentari non cotti alle autorità locali del villaggio da distribuire agli abitanti del villaggio, se necessario.

A parte l'ottimo cibo da degustazione, la caratteristica più singolare del programma Food for Life è la spiritualità con cui viene offerto lo sforzo di sollievo. ISKCON i devoti intrattengono gli abitanti del villaggio con melodiosi canti e balli. Nitai Pad Kamal Das, direttore di Food for Life presso ISKCON Juhu, ha commentato, "Quando le persone si uniscono a noi nel canto del santo nome del Signore, dimenticano completamente la loro miseria e ricominciano a sorridere".

Altri team di Food for Life dal ISKCON i templi di Baroda, Ahmedabad e Surat hanno anche inviato squadre di volontari in altre aree colpite dal sisma.

L'OSPEDALE DI BHAKTIVEDANTA FORNISCE UN OLISTICO GRATUITO ASSISTENZA SANITARIA ALLE VITTIME DEL TERREMOTO

Rapporto di Hari Dham Das, 13 febbraio 2001
- Mumbai, India - L'ospedale di Bhaktivedanta, che fornisce assistenza sanitaria olistica con uguale enfasi sui bisogni del corpo, della mente e dell'anima, continua a fare una marcata differenza nella vita delle persone colpite dalla devastazione del terremoto del Gujurat del 26 gennaio 2001 Un team di medici, infermieri, consulenti di cure spirituali e operatori di supporto
Immagine
lavorare instancabilmente su una base regolare di rotazione di dieci giorni, fornendo cure olistiche agli abitanti di Rahpar, una piccola città nel nord del Rann di Kutch e 140 villaggi nei dintorni.

La squadra di soccorso dell'ospedale si è rapidamente spostata nelle aree del disastro subito dopo il terremoto, tenendo conto delle esigenze mediche e infermieristiche delle vittime. Il programma di cure di supporto fisico è integrato da un pacchetto di cure spirituali che consiste in consulenza in cure spirituali, distribuzione di cibo santificato e riunioni di gruppi di preghiera.

L'UNICEF ha messo a disposizione dell'ospedale di Bhaktivedanta una tenda in cui è stato allestito un centro diurno con 20 posti letto per fornire cure mediche e infermieristiche essenziali. Fino ad ora oltre 3 mila pazienti sono stati curati da quando l'ospedale ha esteso le sue cure oltre la sua solita area di utenza nel distretto di Thane.

Il terremoto ha colpito indiscriminatamente il cuore di ogni abitante, lasciando migliaia di persone devastate e indigenti. I consulenti di cure spirituali dell'Ospedale Bhaktivedanta stanno portando speranza e ripristinando la fede alle vittime che sono alle prese con il trauma psicologico che questo disastro naturale ha portato alla loro vita.

Medici e infermieri dedicati hanno rischiato la vita quando hanno occupato l'ospedale deserto Shrushrusha, abbandonato dai suoi stessi medici e pazienti subito dopo i primi tremori. È in questo ospedale che il personale dell'ospedale Bhaktivedanta si sta occupando di gravi lesioni spinali, ferite, infezioni, fratture, lacerazioni ai bambini, ipotermia, polmonite e altre lesioni correlate.

Pazienti gravemente malati e feriti vengono trasportati in aereo all'ospedale Bhaktivedanta di Mumbai, dove un team di consulenti specializzati è in stand-by.

Food for Life, il programma internazionale di aiuti alimentari dell'International Society for Krishna Consciousness (ISKCON) a Juhu, Mumbai distribuisce quotidianamente ai bisognosi 150 mila pasti vegetariani santificati caldi. Questo programma di soccorso ha ricevuto riconoscimenti internazionali per i suoi sforzi nelle guerre nei Balcani.

Tutti i soccorsi sono forniti gratuitamente o sponsorizzati da aziende aziendali per conto dell'ospedale Bhaktivedanta.

"In quanto ospedale con tutte le strutture, ritengo sia molto importante raggiungere ed estenderci fornendo assistenza medica non solo nel nostro ospedale, ma anche ai siti colpiti dove letteralmente decine di migliaia di vittime del terremoto stanno lottando per venire a termini con questa calamità. L'ospedale di Bhaktivedanta si impegna a fare una differenza evidente nella vita dei nostri fratelli e sorelle a Gujurat fornendo assistenza olistica che acri di corpo, mente e anima ”, afferma R. Talwar, direttore dell'ospedale.

Febbraio 5 - L'FFL Bombay ha recentemente messo insieme un grande sforzo di soccorso sismico consistente in aiuti alimentari e assistenza medica. Il loro campeggio si trova a: Rapar, a 45 chilometri da Bhuj, Gujarat.

Cibo per la vita:

Sono stati inviati cinque camion carichi di ingredienti. 5000 piatti caldi e nutrienti prasadam i pasti (vegetariani santificati) vengono distribuiti ogni giorno.

Numero di volontari: 50

Rilievo medico:

Viene allestito il Field Hospital con sala operatoria. Disponibili strutture per chirurgia generale e ortopedica. Strutture per gestire possibili epidemie come diarrea, colera, tifo, gastroenterite, epatite ecc.

Numero dei letti: 10 / Numero dei medici: 50

Febbraio 2, 2001 - Abbiamo appena visitato il nostro campo per prasadam distribuzione a Bhadreswar che dista circa 27 km da Adipur. L'intera area è tranquilla. Molti cadaveri vengono bruciati in cumuli. Rimuove ancora i corpi dai detriti ad Anjar.

Oggi abbiamo iniziato a servire più di 10,000 pasti di Khichadi (riso e stufato di fagioli), puri (pane fritto) e sabji (curry di verdure) nel nostro campo e nei villaggi circostanti e ad Adipur. La maggior parte di queste persone ha perso la casa o è povera e non ha lavoro per almeno i prossimi 2-3 mesi. Queste persone richiedono di lavorare su base giornaliera e quindi hanno un disperato bisogno in questo momento. Ora abbiamo un team di 25-30 volontari di Baroda e Vidyanagar che lavorano in un posto con la paura costante di ulteriori tremori e freddo.

Rapporto di Basughosh Das

28 Gennaio 2001 - Più di 10 tonnellate di scorte insieme a 30,000 sacche d'acqua hanno accompagnato 12 monaci di Krishna e 15 volontari della comunità che si sono recati a Bhadreswar, vicino al terremoto, dove si sono accampati. Da lì i volontari saranno in grado di cucinare e servire pasti caldi nei villaggi circostanti.

La situazione è orribile. Faremo del nostro meglio per raggiungere le persone in aree remote. Vi terremo informati di ulteriori sviluppi.