Paul Turner racconta il suo viaggio in FFLG sulla messaggistica in un podcast di missione

Ultimo aggiornamento il 19 luglio 2022
Jamie GoodmanJamie Goodman

Direttore esecutivo e co-fondatore di Food for Life Global, Paul Turner, ha recentemente avuto l'opportunità di parlare con Spencer Brenneman nel podcast di Brenneman, "Messaggi in missione". Il podcast funziona "per dimostrare i modi in cui la messaggistica avvincente aiuta le organizzazioni orientate alla missione a prosperare in qualsiasi ambiente".

Parlando da 10,000 piedi sul livello del mare in cima alle montagne delle Ande, Turner ha raccontato il viaggio che lo ha portato a Food for Life Global:

A soli 19 anni Turner decise di diventare monaco celibe, dedicandosi alla pratica per i successivi 14 anni. I pasti venivano consumati solo in determinati orari, i mantra venivano cantati ogni giorno e i cuscini erano un lusso non necessario.

Come monaco, Turner ha partecipato a programmi di sensibilizzazione che prevedevano di nutrire le persone bisognose a Sydney, in Australia, dove è cresciuto. Questa è stata la sua prima introduzione a un'esperienza umanitaria. "Quella è diventata la direzione che ho preso per il resto della mia vita", ha detto Turner.

A questo punto, negli anni '80, Food for Life era un movimento di base e non era ancora diventato globale. "Ho iniziato a capire che non si trattava semplicemente di riempire la pancia e che questo programma aveva qualcosa da offrire, il che era più significativo", ha detto Turner.

Turner decise che c'era di più che voleva fare della sua vita e concluse i suoi giorni come monaco. Nel 1993 lasciò l'Australia, emigrò negli Stati Uniti per fondare la sede dell'ente di beneficenza e iniziò a chiamarla Food for Life Global.

"Il mission è diventato usare il cibo come un modo per unire le persone, per unire il mondo”.

Il problema principale che circonda l'insicurezza alimentare è che c'è cibo in abbondanza nel mondo, ma c'è una distribuzione iniqua di queste risorse. Insieme a Food for Life Global, Turner ha sollevato la questione: Perché c'è una distribuzione iniqua?

"Qui è dove Food for Life Global si è riallineata da una normale organizzazione di soccorso alimentare a un'organizzazione che aveva la missione spirituale di usare il cibo come un modo per unire il mondo", ha affermato Turner. "E quando abbiamo questo senso di unità, cose come la fame nel mondo scompaiono dall'oggi al domani".

Turner condivide questo importante messaggio attraverso il suo libro Food Yoga . Food Yoga si occupa della connessione che gli esseri viventi hanno con il cibo. L'energia e l'intenzione che vengono immesse nel cibo vengono trasferite al consumatore. "Quando prepari il cibo, se lo prepari con un'intenzione amorevole, non solo nutre una persona fisicamente, ma può anche nutrire la sua mente e il suo spirito", ha detto Turner.

Per risolvere il problema della distribuzione iniqua, l'ente di beneficenza non si limita a fornire pasti. "In Food for life Global, non solo nutriamo le persone, ma forniamo anche istruzione sui benefici di una dieta a base vegetale, vivendo in modo naturale e cercando di indirizzare le persone verso una soluzione più a lungo termine", ha affermato Turner. Ha continuato dicendo: “Ci siamo resi conto presto che dovevamo educare le persone. Dobbiamo cambiare il sistema".

Turner ha ora dedicato la sua vita a cambiare questo sistema. Da oltre 40 anni cresce Food for Life Global nella no-profit di grande successo che è oggi.

Turner ha lasciato agli ascoltatori una frase potente che incarna la sua transizione da monaco celibe a leader di beneficenza globale: "Vivi la tua vita, non quella di qualcun altro".

1 commento

undrajavarapu yesurathnam.

Saluti a te dall'India nel nome di Gesù Cristo, nostro Salvatore e Signore. Mi piace sapere bene e di più su questo food for life global servizio, quindi ho bisogno del tuo aiuto e assistenza in questo servizio, quindi fammi sapere signore, sono un pastore, dall'India. e
ringraziando ancora Signore. risp, Paolo. R, Turner.

Luglio 27, 2022

Lascia un commento