Gen Z come organizzazione non profit

5 modi per entrare in contatto con la Gen Z come organizzazione non profit

Generazione Z costituisce il 27% della popolazione degli Stati Uniti oggi, ma impegnarsi con i sostenitori di questa popolazione eterogenea potrebbe essere molto impegnativo. Tuttavia, molti di loro si preoccupano sinceramente delle questioni ambientali e sociali e farebbero una donazione per fare la differenza. E la tua organizzazione senza scopo di lucro può aiutarti a coinvolgere in modo produttivo questa passione. Quando la Gen Z entra a far parte della forza lavoro, è probabile che sia anche alla ricerca di partner efficienti che condividano la loro guida. Il tuo ente di beneficenza potrebbe attirare donatori dalla popolazione della Gen Z e persino ottenere sostenitori per tutta la vita. Ma puoi iniziare scoprendo le passioni di queste persone sottoutilizzate e come entrare in contatto con loro.

Chi è la generazione Z?

Generazione Z, o Gen Z, si riferisce ai giovani nati alla fine degli anni '1990 e successivamente. Inoltre, questo gruppo di giovani energici e motivati ​​socialmente rappresenta 2 miliardi di esseri umani sul pianeta. Succedono ai Millenials e alle generazioni precedenti e sono per lo più figli della generazione X.  A volte vengono anche chiamati "nativi digitali", avendo conosciuto la tecnologia mobile e Internet per tutta la vita. Colloquialmente, la Gen Z porta il tag "zoomers". Hanno anche ricevuto le etichette di Gen Tech, post-Millennials, Gen Y-Fi e altro ancora. Comunque li chiami, la Gen Z è la prossima generazione di donatori.

Persone notevoli nella Gen Z

Possiamo conoscere una generazione guardando i suoi membri più visibili. Questi influencer della Gen Z raggiungono i loro coetanei e il resto del mondo attraverso diversi fronti. Mentre alcuni sono modelli di moda, altri sono sostenitori dell'ambiente o influencer dei social media. Vedremo alcune persone di rilievo della Generazione Z che esercitano un'enorme popolarità sia all'interno che all'esterno della loro generazione.

Billie Eilish

Billie Eilish è una cantautrice che ha iniziato la sua carriera musicale all'età di 13 anni. La cantante nata nel 2001 ha ottenuto un'attenzione diffusa nel 2015 quando ha pubblicato "Ocean Eyes" su SoundCloud. L'album di debutto di Billie l'ha resa la donna più giovane in assoluto in cima alle classifiche degli album nel Regno Unito. È anche diventata la prima artista nata nel 21 ° secolo ad avere un album di punta negli Stati Uniti. Eilish non è solo musica, comunque. Ha generato un'ampia attenzione da parte dei media intorno al suo senso della moda oltraggioso. Cresciuta come vegetariana, Eilish presta regolarmente la sua voce ai diritti degli animali e al veganismo. Il pluripremiato vincitore è stato incluso nella Time100 Next List e incarna gli stereotipi della Gen Z.

Greta Thunberg

Greta è un adolescente svedese schietto che ha saltato le lezioni per guidare le proteste internazionali contro il cambiamento climatico. Ha ispirato molti in tutto il mondo, compresi i leader mondiali, a fare campagne a favore dell'ambiente. L'attivista ambientale nato nel 2003 ha iniziato a fare una campagna dopo aver vinto un concorso di saggi sul cambiamento climatico locale. Ha iniziato a saltare le lezioni del venerdì nel 2015. Ma oggi milioni di altre persone si sono unite ai suoi scioperi per il clima in tutto il mondo. Greta ha parlato una volta davanti alle Nazioni Unite ed è stata etichettata come la persona dell'anno 2019 del Time, tra gli altri riconoscimenti. Le organizzazioni non profit possono imparare molto da lei riguardo alle tendenze comportamentali filantropiche della Gen Z.

David Dobrik

David Dobrik è uno YouTuber slovacco residente negli Stati Uniti con quasi 20 milioni di follower su YouTube a febbraio 2021. Dobrik è il leader del famoso La squadra di Vlog ed è probabilmente il re dei vlogging di YouTube oggi. Il suo canale è stato il quinto canale dei creator di YouTube più visto nel 2019. Tuttavia, c'è di più nell'influenza di Dobrik tra gli altri giovani in tutto il mondo. Per la seconda volta, nel 2020 gli è stato conferito il titolo di miglior influencer sui social media per adolescenti. Dobrik è stato uno dei Forbes 30 Under 30 nel 2021 nella categoria dei social media. È anche un attore, giudice di reality show e soprannominato Jimmy Fallon della Gen Z.

Malala Yousafzai

Malala Yousafza è una sostenitrice dei diritti all'istruzione femminile pakistana e la più giovane premio Nobel. Le attività di Malala rafforzano il fatto che la Gen Z sta cercando di cambiare il mondo in modo disinteressato. Ha iniziato a sostenere l'istruzione per le bambine nella sua patria pakistana, dove i talebani avevano vietato la scuola per le ragazze.  Malala ha scritto un blog anonimo per la BBC dove ha condiviso la sua esperienza durante una crisi legata ai talebani. La sua importanza è aumentata dopo essere sopravvissuta a un tentativo di omicidio nel 2012 per il suo attivismo. Malala ha ricevuto numerosi onori e riconoscimenti nazionali e internazionali per la sua difesa.                                                                                                                              

Noah Centineo

Noah Centineo è un modello e attore americano di 24 anni con oltre 18 milioni di follower su Instagram. Centineo è ampiamente conosciuto per i suoi film, incluso A tutti i ragazzi che ho amato prima. Ha iniziato la sua carriera cinematografica nel 2009 e attualmente ha importanti riconoscimenti nella borsa. Noah non tace nemmeno sulle questioni sociali. Lui co-fondatore di Favored Nations, un'organizzazione di beneficenza che media tra i donatori e altre cause redditizie, comprese le proteste del BLM del 2020. Noah Centineo ha anche mobilitato i membri della Gen Z per votare alle elezioni nazionali del 2020. Le attività di Noè forniscono informazioni sulle prospettive della Gen Z e sulla tipica visione del mondo.

Valori della generazione Z.

Cosa fa funzionare la Gen Z? I valori fondamentali della Gen Z differiscono in qualche modo da quelli delle generazioni precedenti, compresi i Millennial. La tua organizzazione senza scopo di lucro ha ampie opportunità per coinvolgerla nella tua causa sociale. Li coinvolgeresti anche in modo più appropriato se riesci a capire la loro posizione sulla maggior parte degli argomenti.  La Gen Z ha una vita sociale virile, che dipende enormemente dalla tecnologia mobile e Internet. Sono quasi sempre online e hanno anche un'istruzione formale in alta reputazione. È quindi comprensibile che si preoccupino della connettività e della disponibilità delle informazioni.  Tuttavia, sebbene iGen trascorra molto tempo prima dei social media e di Netflix, la tecnologia non è la loro priorità. Si preoccupano molto delle stesse cose delle generazioni precedenti. E molte persone li considerano più socialmente ed educativamente arrotondati rispetto ai loro predecessori. La Gen Z sta crescendo in termini di intelligenza più velocemente di quanto hanno fatto persino i Millennial, grazie alla tecnologia mobile del 21 ° secolo. 

La Gen Z valorizza l'uguaglianza e la giustizia sociale

La Gen Z è la generazione più diversificata dal punto di vista razziale, con origini più miste rispetto ad altri predecessori. Ecco perché generalmente si preoccupano meno del colore della pelle o della discendenza dei loro coetanei. Per loro, avere una vicepresidente asiatica o un presidente nero non è un cambiamento di paradigma. È un aspetto primario della vita del 21 ° secolo. Mentre le eccezioni individuali variano, generalmente, la Generazione Z non è così razzista o di genere come i loro antenati. Tendono ad accettare di più le persone di altre convinzioni e origini. È anche più probabile che proteggano anche questi gruppi. 

Apprezzano l'individualità e l'unicità 

La Gen Z vuole "essere se stessa" più di ogni altra generazione. Non parlano molto delle tendenze o di ciò che è generalmente accettabile tra i loro coetanei. Invece, si tratta di esprimere l'individualità e l'identità personale. La Gen Z ha tendenze imprenditoriali nella loro composizione. Guiderebbero volentieri o sosterrebbero qualcun altro che è in prima linea nel promuovere i loro valori fondamentali, anche se quei valori vanno controcorrente.  La Gen Z preferisce i marchi che fanno appello alla loro personalità e individualità. E sono disposti a pagare per prodotti che mettono in risalto la loro unicità. Vogliono collaborare con organizzazioni che si allineano con le loro convinzioni e valori fondamentali. E le organizzazioni non profit che cercano di portarle in beneficenza faranno bene a sottolineare l'individualità della Gen Z. 

I loro soldi vanno dove sono i loro valori

La Gen Z non si limiterà a donare a nessuna causa che dica cose buone su se stessa. Sosterrebbero invece le cause sociali che ritengono soddisfino gli obiettivi dichiarati. E già che ci sono, non si preoccupano di votare per un movimento con i loro soldi.  A causa di questa inclinazione, la Gen Z pagherebbe di più per prodotti sostenibili ed etici. Le principali cause sociali come il cambiamento climatico sono vitali per loro. Le aziende stanno diventando sempre più consapevoli di non poter più farla franca con impegni ambientali non etici. 

La Gen Z valorizza la protezione della privacy 

I membri della Gen Z desiderano proteggere la loro privacy, online o altrove. Un sondaggio IBM mostra oltre i due terzi della Gen Z non si sentono a proprio agio nel condividere informazioni personali complete. Condividono invece le informazioni personali con marchi di cui si fidano proteggeranno adeguatamente i loro dettagli.

Strategie di coinvolgimento della Gen Z per la tua organizzazione non profit

La stima di Il potere d'acquisto della Gen Z nei soli Stati Uniti supera i 140 miliardi di dollari. E ciò che questo significa per le organizzazioni di beneficenza è che c'è un maggiore potenziale per i donatori a vita. Vediamo alcune delle migliori strategie per interagire e comunicare con la Gen Z.

1. Mostra passione per la tua causa 

Vuoi coinvolgere la Gen Z nella tua organizzazione di beneficenza? Allora sarebbe utile se descrivessi che sei appassionato della tua causa. Mostra loro in termini esatti cosa fa ogni donazione per gli obiettivi della tua organizzazione. Quanta sfida sociale possono risolvere dieci dollari?  Lavora con infografiche ben annotate e storie stimolanti che possono stimolare le menti delle persone verso gli obiettivi della tua organizzazione. Considera una breve galleria di video o foto che mostra come le persone reali traggono vantaggio dalle tue attività. Quando le persone possono avere un impatto sui donatori, accumuli più sostenitori per la tua missione.

2. Connettiti con loro in linea

Tutti sanno che la generazione Z è online. Le organizzazioni non profit possono quindi utilizzare le competenze di marketing digitale per connettersi con la Gen Z online. Raggiungerli online offre loro una facile opportunità di diffondere la tua causa sui social media. Noi di FFL ci concentriamo di più su impegni virtuali per soddisfare questa generazione. Prendi in considerazione la creazione di annunci YouTube reali e originali che raccontino la storia della tua organizzazione, ad esempio. Potresti anche pensare di sensibilizzare la tua organizzazione attraverso movimenti online e hashtag virali. Esempi sono i movimenti online #BLM e # SchoolStrike4Climate. Coinvolgili, incoraggiandoli a promuovere la raccolta fondi peer-to-peer per la tua causa sociale.

3. Utilizzare una comunicazione chiara e concisa sui social media

L'affinità della Gen Z per la tecnologia mobile riduce la loro capacità di attenzione a soli otto secondi. Se vuoi che partecipino alla tua organizzazione, concentrati sulla trasmissione di un semplice messaggio sui social media. Metti da parte informazioni approfondite su persone svantaggiate o informazioni specifiche su come adempiere alla tua missione e salvale per il tuo sito web.  Invece di infastidirli con i dettagli, sarebbe utile affermare: "Dai online per porre fine alla fame nel mondo". Quindi includi un breve video o un link a un'espressione più elaborata della causa della tua organizzazione non profit. Mantieni la tua comunicazione chiara e concisa e la Generazione Z ti mostrerà il suo apprezzamento con le sue donazioni.

Donne che sollevano il pacco

4. Configurare più piattaforme di donazione

Assicurati che il tuo ente di beneficenza offra molteplici opzioni di donazione per i potenziali donatori. La prolungata esposizione a Internet della Gen Z offre loro un facile accesso a processi complessi, tutto in una volta. Vogliono un processo semplificato a cui possono partecipare senza dover effettuare complicati trasferimenti online. Ricorda, preferiscono essere unici piuttosto che seguire qualsiasi tendenza. In FFL Global, offriamo una miriade di opzioni di donazione: carte di credito, paypal, patreon, donazioni di criptovaluta onlinee persino sponsorizzazioni mensili. Un programma di donazione mensile simile di $ 10, ad esempio, potrebbe incoraggiare più Gen Z di quanto ci si aspetterebbe. La chiave è dare loro la libertà e l'opportunità di esprimersi sostenendo la tua causa.

5. Mantenerlo reale

La Gen Z non è solo attenta alla tecnologia; sono anche esperti di marketing, in particolare online. A causa della raffica di "messaggi di buona volontà" che ricevono, vogliono partner che farebbero davvero la differenza. E rileverebbero quando un'organizzazione genuina sta cercando di ottenere le loro donazioni. La Gen Z vuole che tu sia reale e autentico con il tuo messaggio. Se si sentono parte di esso, presto li faresti sostenere saldamente la tua causa. La generazione Z sta entrando rapidamente nel mondo del lavoro, portando le loro visioni del mondo uniche nel mondo aziendale. Vogliono una vera causa sociale ottimizzata digitalmente che si prende cura degli altri e che riconosca anche la loro individualità. Collegare i loro valori con la tua causa li fa sentire più coinvolti e sempre benvenuti nella tua organizzazione. Beh, il gioco è fatto! Incorporare la Gen-Z nella tua organizzazione senza scopo di lucro ti farà sicuramente molto bene a lungo termine non solo finanziariamente ma in termini di marketing e advoacy. Evita i ritardi. Ricorda, un punto in tempo ne fa risparmiare nove!

Puoi aiutare!

https://ffl.org/wp-content/uploads/2019/10/6Billionmeals-2.jpg
Supportare l'importante lavoro di Food for Life Global servire la sua rete internazionale di oltre 200 affiliati in 60 paesi.
Food for Life Global è un'organizzazione di beneficenza 501 (c) (3), EIN 36-4887167. Tutte le donazioni sono ritenute deducibili dalle tasse in assenza di limitazioni alla deducibilità applicabili a un determinato contribuente. Nessun prodotto o servizio è stato fornito in cambio del tuo contributo.
La missione principale di Food for Life è quella di portare la pace e la prosperità nel mondo distribuendo pasti vegani gratuiti preparati con amore.

Scrivi un commento